Maranza offre un maestoso panorama sulle montagne altoatesine delle Dolomiti. Nel 2009, le Dolomiti sono state dichiarate dall’Unesco “Patrimonio naturale dell’Umanità”, per la loro straordinaria bellezza e per le loro caratteristiche geologiche, botaniche e paesaggistiche.

Uno spettacolo naturale unico al mondo

Le Dolomiti, note anche come “Monti pallidi” per il colore delle loro rocce, offrono al tramonto uno spettacolo unico: il celebre “enrosadira”, il fenomeno per cui le cime si tingono progressivamente di un rosso intenso fino al violetto. br />
rucksack-neusommer-wandern2

Le montagne

La cima più alta delle Dolomiti è la  Marmolada, che tocca quota 3.342. Altri massicci celebri sono le Tre Cime di Lavaredo nelle Dolomiti di Sesto, il massiccio del Sella, il Catinaccio, lo Sciliar, il gruppo delle Odle e il Sassolungo.

La cultura ladina

Nelle valli dolomitiche, protette da ben quattro passi, l’autoctono popolo ladino ha mantenuto fino ad oggi la sua identità. La lingua ladina è un incrocio tra la lingua dei Reti e il latino parlato dal popolo; oggi è attivamente parlata da circa 18.000 persone. I ladini popolano le quattro valli del massiccio del Sella, l’Alta Badia, la Val Gardena, la Val di Fassa e il Livinallongo.